Archive for settembre 2012

Nella prossima vita voglio essere un Sim – terza parte

 

PARTE 3/4 – Istruzione, lavoro e società

 

 

I cattivi risultati a scuola sono duramente sanzionati, ma sono imputabili solo alla pigrizia del Sim: l’intelligenza è grosso modo la stessa per tutti, e qualunque Sim può portare a termine qualunque compito, dalle elementari all’università.

 

I libri scolastici non esistono, o forse li fornisce gratuitamente la scuola, la cosa non è chiara: in ogni caso non devono essere acquistati dai genitori.

 

Qualunque famiglia ha la possibilità di ottenere borse di studio per iscrivere i figli a costose scuole private: è sufficiente invitare a casa il preside, preparare una cena gustosa e fare buona impressione su di lui.

 

All’università, non esistono veri e propri esami: la semplice esecuzione dei “compiti a casa” garantisce da sola il superamento del corso.

 

Per qualsiasi facoltà, da Medicina a Arti Drammatiche, non è richiesto più di un paio di ore di studio al giorno. Uno studente universitario spende quindi gran parte del proprio tempo rimorchiando ragazze, partecipando a feste ed esibizioni musicali e spassandosela.

 

Un Sim può ottenere conoscenze anche estremamente avanzate in vari campi, dalla cucina alla riparazione di oggetti elettrici, semplicemente leggendo un libro per qualche ora.

 

Per quanto riguarda la cucina, preparare una pietanza migliora le capacità necessarie per prepararne altre molto più complesse: una Sim può virtualmente imparare a cucinare un’aragosta passando la vita a scaldare tramezzini al formaggio.

 

Tutti i Sim, una volta entrati nell’età adulta, sanno automaticamente guidare: non hanno bisogno della scuola guida e nemmeno della patente.

 

Un Sim può essere disoccupato, ma solo per una sua scelta, mai per mancanza di impiego: ogni giorno ha la possibilità di ottenere circa 4 lavori diversi.

 

Non esistono colloqui di lavoro: gli annunci vengono letti sul giornale o al computer, e se il Sim è disponibile ad accettare il lavoro, è automaticamente assunto.

 

Un Sim può venire licenziato in diversi modi, ma il suo stipendio non viene mai ridotto, e non esiste la possibilità che la società o l’azienda che l’ha assunto fallisca.

 

Qualunque sia il suo lavoro, dal lavapiatti al Sindaco, un Sim non avrà mai la necessità di andarci personalmente: un’automobile aziendale (il cui aspetto varia a seconda del tipo di lavoro) verrà ogni giorno a prenderlo a casa, gratis.

 

Nonostante i Sim non possano ammalarsi gravemente, non abbiano bisogno di medicine e non esistano ospedali, la carriera di medico non ha mai un calo di richieste.

 

Il criminale è considerato una figura professionale pari a tutte le altre, con tanto di stipendio e orari fissi e possibilità di promozioni.

 

Non esistono straordinari: ogni lavoro ha sempre lo stesso orario e si svolge sempre negli stessi giorni.

 

Tutti i lavori prevedono lunghi permessi per maternità. Nessuna madre Sim rischia di perdere il proprio impiego, e nonostante l’impegno per accudire i figli ha ottime chance di arrivare al vertice della propria carriera.

 

Tutti i Sim anziani ricevono una pensione pari alla metà del loro stipendio, senza eccezioni.

 

Non esistono mezzi pubblici, o meglio, non ce n’è alcun bisogno. Al di là del lavoro, un Sim che vuole recarsi in un luogo e non ha la macchina può chiamare un taxi, a un costo ridottissimo.

 

Anche se ogni Sim e ogni famiglia ha la possibilità di acquistare la propria automobile, non esiste il traffico e si trova sempre parcheggio ovunque.

 

Non esistono le tasse. Le uniche spese che un Sim deve pagare allo “Stato” sono le bollette della luce.

 

Le bollette vengono pagate inserendo dei soldi nella cassetta delle lettere in giardino. Un Sim non dovrà mai recarsi alle poste o in banca, compilare moduli, dichiarare il proprio reddito, non farà mai code e non avrà mai a che fare con nessun tipo di burocrazia.

 

Tutto quello che il Sim può acquistare o pagare, dagli oggetti di arredo alle ordinazioni al ristorante, dalla prestazione di una domestica alle attrazioni cittadine, ha sempre lo stesso prezzo ovunque. Aspetti come la crisi economica o l’inflazione sono del tutto inesistenti.

 

Un Sim che lavora nel settore politico ha la possibilità di fare carriera fino a diventare sindaco o membro del Congresso; ciononostante, non esistono le elezioni politiche: un Sim sindaco rimarrà al suo posto finchè non lascerà spontaneamente il lavoro, non verrà licenziato o non andrà in pensione.

 

Pur essendo disponibile la carriera lavorativa in ambito militare, non esistono guerre.

 

 

Nella prossima vita voglio essere un Sim – seconda parte

 

PARTE 2/4 – La casa

 

Non esistono i senzatetto: ogni Sim che va a vivere da solo ha automaticamente a disposizione un budget sufficiente ad acquistare e arredare almeno un bilocale. La casa è sempre di proprietà: non ci sono affitti o mutui da pagare.

 

Non esistono disastri naturali (es. terremoti, tsunami) o artificiali (es. bombe, esplosioni varie) capaci di distruggere una casa. Gli incendi sono esclusivamente domestici e non coinvolgono mai la struttura dell’edificio.

 

Ogni elettrodomestico o oggetto di arredamento, anche seriamente danneggiato, può essere venduto per una piccola somma. La vendita avviene automaticamente: non è necessario portare fisicamente l’oggetto in un negozio o in un mercato.

 

I Sim non hanno bisogno di spostare i mobili: tutti gli elementi dell’arredo, dal vaso di fiori all’armadio a due ante, vengono spostati in pochi secondi dal giocatore.

 

E’ sempre il giocatore a occuparsi della carta da parati, del tetto e delle modifiche strutturali: il Sim personalmente non avrà mai bisogno di imbiancare, di sistemare tegole o pulire grondaie (che peraltro non esistono).

 

Una volta eretti e “coperti”, i muri di una casa non si sporcano e non si danneggiano mai: non esistono muratori o imbianchini.

 

Gli unici elementi dell’arredo che possono guastarsi sono quelli elettrici e idraulici: tavoli, cassetti, mensole, finestre, lampade, vasi, quadri e tutti gli altri oggetti sono indistruttibili.

 

Non esistono prese elettriche, fili della corrente o tubi di scarico: qualunque elettrodomestico o sanitario può essere collocato in qualunque punto della casa, anche in mezzo a una stanza, persino in giardino.

 

Un Sim può virtualmente acquistare centinaia di vestiti, ma riuscirà a farli stare tutti comodamente nello stesso armadio, e li avrà a disposizione all’istante, senza doverli cercare. Lo stesso si applica ai libri, ai videogiochi e ai cd musicali.

 

Ogni oggetto di arredo, dal cestino dell’immondizia alla scultura greca, è disponibile in quantità illimitata, e avrà sempre lo stesso prezzo.

 

Non c’è bisogno di fare la spesa al supermercato: il Sim può farsela recapitare a casa in varie quantità, e avrà sempre tutto ciò di cui ha bisogno. Questa spesa, d’altronde, è esclusivamente alimentare: carta igienica, detersivi, cartoleria, prodotti per la casa e altre cose della vita quotidiana sono disponbili automaticamente e non si esauriscono mai.

 

L’automobile di un Sim non deve essere immatricolata, non necessita nè di assicurazione nè di libretto di circolazione, e ha sempre il serbatoio pieno.

 

I vicini di casa sono facilmente raggiungibili, ma mai a stretto contatto con il Sim, il quale di conseguenza non riceverà mai lamentele perchè il volume della tv è troppo alto o l’immondizia accumulata in giardino emana un cattivo odore.

Nella prossima vita voglio essere un Sim – prima parte

 

(Le affermazioni contenute in questi post si riferiscono esclusivamente al videogioco The Sims 2 e alcune sue espansioni. Niente trucchi né patch né editor)

 

 

 

PARTE 1/4 – Corpo umano e aspetto estetico

 

 

Tutti i Sim adulti hanno all’incirca la stessa altezza e hanno lo stesso fisico. Non esistono nanismo, problemi di crescita abnorme o malformazioni congenite.

 

Esistono solo tre livelli di forma fisica: normale, sovrappeso e atletico/muscoloso. L’obesità non esiste, e anche gli individui più grassi possono tornare in forma con qualche ora di palestra.

 

Tolti alcuni pericoli di base (come il fuoco o l’annegamento), il corpo di un Sim è indistruttibile: non esistono fratture ossee, problemi muscolari, mutilazioni ecc.

 

Non esistono malattie gravi o letali: il peggio che può capitare è un’influenza o un’intossicazione alimentare, curabile con un paio di giorni di riposo a letto.

 

L’acne giovanile compare solo nell’adolescenza, in rari casi, è facilmente curabile, non lascia cicatrici permanenti e non ricompare mai più.

 

Un Sim può lavarsi i denti, se lo desidera, ma è un’azione del tutto superflua, dal momento che non avrà mai carie o problemi gengivali.

 

Non avendo la possibilità di fumare, bere alcolici o assumere stupefacenti, un Sim non corre il rischio di sviluppare nessuna dipendenza fisica o psicologica da sostanze.

 

Un Sim può sentirsi triste se i suoi desideri e le sue ambizioni non si realizzano, e può avere un carattere solitario e isolato, ma non diventerà mai depresso, ansioso, psicotico e non svilupperà nessun tipo di psicopatologia.

 

L’adolescenza è una fase della vita che può essere evitata: appena usciti dall’infanzia, i Sim hanno la possibilità di iscriversi direttamente all’università, saltando tutto il periodo compreso tra i 12 e i 19 anni (e ottenendo nel processo anche un corpo adulto).

 

A eccezione dell’inevitabile morte, di una leggera incontinenza e di una generale lentezza dei movimenti, l’anzianità non comporta nessun reale problema fisico per un Sim. Non esistono disagi tipici della terza età, non avrà mai bisogno di bastoni o sedie a rotelle, e non perderà nè i denti nè i capelli; inoltre, le probabilità di ammalarsi sono più o meno le stesse dei Sim più giovani (cioè remote).

 

I lineamenti del volto, e in generale l’aspetto estetico, non subiscono mutamenti con l’età: le uniche conseguenze della vecchiaia sono i capelli bianchi e una sorta di pallore del viso (comunque ovviabile con il trucco).

 

Tutti i Sim, prima o poi, muoiono: la durata della loro vita, però, può essere artificialmente prolungata bevendo una pozione particolare in un momento della giornata in cui il livello di soddisfazione e auto-realizzazione è alto.

 

Il taglio e il colore di capelli, barba e baffi possono essere cambiati in pochi secondi, semplicemente guardandosi allo specchio, ovviamente gratis.

 

Per lo stesso motivo, non c’è bisogno di comprare nè trucchi nè prodotti per il viso o la pelle. Una volta applicato sul viso, se non viene modificato volontariamente, il trucco rimane per sempre.

 

Non esistono la miopia, la presbiopia, l’astigmatismo e tutti i difetti oculari: gli occhiali sono soltanto un’altra componente del look.

 

Non esiste un vero e proprio concetto di “moda”: ogni Sim può indossare l’abito che vuole, e per quanto eccentrico sia, non avrà mai problemi con gli altri Sim e non si sentirà mai inadeguato.

 

I vestiti di un Sim sono indistruttibili, non si macchiano mai e non necessitano quindi di essere lavati, stirati o ricuciti.

 

Tutti i capi d’abbigliamento (esattamente come gli altri oggetti di consumo) sono sempre reperibili nei negozi in quantità illimitata.

 

Poichè – come detto in precedenza – tutti i Sim hanno sostanzialmente lo stesso fisico, non esiste il concetto di “taglia”; inoltre, se anche un Sim ingrassasse o dimagrisse, i suoi vestiti magicamente si adatterebbero alle sue nuove forme.