Cari followers, come va di moda dire di questi tempi,
un nuovo anno che inizia significa, naturalmente, un nuovo FRASARIO (papparapààà) che si apre, e un frasario che si apre a sua volta sottintende un frasario vecchio che trova la sua degradante e imbarazzante conclusione! Oramai sta diventando una piacevole conclusione, nel 2012 siamo al quarto anno di fila! Di questo passo potrei evolvermi e assegnare un premio alla persona in assoluto più costante nel partorire minchiate durante l’anno… e il premio potrebbe essere come questo, a simboleggiare anche l’utilità di questi frasari nella vita in generale.
Ciò detto, festeggiamo l’anno nuovo con l’ultima dose di ilarità di dubbio gusto!

 
 

Vittorio Munari (telecronaca di Francia-Galles, Mondiali di rugby): “La Francia sta sprecando troppo! Quando vai al mercato e compri un chilo di farina, e il sacchetto ha un buco, se poi non lo tappi col dito esce tutto! La Francia rischia di trovarsi a fare la polenta con la carta!”

 

Luca: “Io so sempre se dei miei amici sono superdotati, e facciamo tutti battute a tema! L’altra sera ero in macchina con uno di loro e ho detto ‘Dai, metti le mani dietro la testa e METTI IN PRIMA!’ (accennando un movimento dell’inguine, ndA): abbiamo riso così tanto che la macchina a momenti usciva di strada!” (dopo questa battuta mia madre ha lasciato la stanza scandalizzata, ndA)

 

Folk: “Che figata, ho un buco nei pantaloni! Posso grattarmi la PROSTATA senza essere visto!”

 

(alla mia proclamazione di laurea, io do una pacca sulla spalla di mio padre, come se fingessi di pulirmi le mani)
Padre (poco dopo a mia madre): “Controlli se Andrea mi ha attaccato qualcosa sulla schiena? Prima mi ha dato una pacca sulla spalla, e non sono abituato alle manifestazioni spontanee di affetto da parte dei miei figli!”

 

Padre (dal nulla, rivolto al sole): “MALEDETTA PALLA DI FUOCO!”
Luca: “Sembra Nonno Simpson quando sbraita contro la nuvola!”

 

(davanti alla cappella della via crucis “seconda caduta di Cristo”)
Tonzo: “Si vede che Cristo non era palestrato.”
Folk: “Però aveva i poteri di Cristo…”
Tonzo: “Allora si vede che aveva finito il MANA!”

 

Folk (a Dario): “Stasera sei vestito così bene che ti SUGHEREI L’UCCELLO! Ma quello lo farei sempre… lo farei anche all’Antidio, ma rischierei una TONSILLECTOMIA!”
Nose: “Io vorrei fare la comparsa in un film porno! Quello che non fa niente di porno, ma tipo entra in una stanza, vede i due protagonisti che scopano, si sconvolge ed esce!”

 

Io (a Folk): “Ma perchè in camera tua c’è odore di PROSCIUTTO?”
Folk: “Si vede che mi sto finalmente trasformando in un MAIALE!”

 

(a casa di Folk; lui sta ancora dormendo, io sto per uscire e tornare a casa, e vado in camera sua a salutarlo)
Folk: “Ciao omm! Scusa se non mi alzo ad abbracciarti, ma sono qui senza mutande e col cazzo in tiro! Anzi, adesso mi metto davanti un CUSCINO e mi alzo!”
(Folk si alza, si mette il cuscino davanti al pacco e mi abbraccia)
Io: “Che bello, sembra che stiamo facendo un sandwich con una prostituta vietnamita!”

 

(commentando la classica televendita in cui il prodotto viene presentato a un prezzo scontato, ma partendo da un prezzo altissimo)
Io: “E’ un po’ come l’affettatore Miracle Blade, che da solo doveva costare 40 euro… manco l’avesse creato Hattori Hanzo in persona!”
Luca: “Forgiato direttamente nelle fiamme di Monte Fato!”

 

Andrea: “Oramai sono arrivato a un tale livello di compromissione della realtà, che quando vedo una donna incinta penso “YO DAWG!”!” (chi non è abbastanza irrimediabilmente nerd e non l’ha capita, può guardare qui)

 

Folk: “Quando quella tipa mi ha conosciuto, si è comportata come una nobildonna inglese sulla settantina, che mentre sta bevendo il tè, arriva un autotrasportatore friulano che le puccia il pisello nella tazza!”

 

Folk: “Stasera sono uscito con dei miei colleghi, e a un certo punto il discorso è caduto (chissà perchè) sulle avventure sessuali. Al che una mia collega ha illustrato quanto faccia malissimo farsi SBORRARE NEGLI OCCHI. A quel punto non mi sono trattenuto e in mezzo al locale, indicandola, ho gridato con chiarezza: “AHAH, ANGRY PIRATE!!!”. Tutto ciò si è svolto a Montalo Lucino, presso la birreria Il Pirata.”

 

Luca: “Ma Penny ha cagato e pisciato per terra! Cosa la porto giù a fare allora?”
Madre: “Ma a lei piace camminare… guarda, vuole scendere, ti segue!”
Luca: “Mi segue perchè ho in mano una SOTTILETTA!”

 

(parlando di doppiaggio di cartoni e serie tv)
Luca: “Quelli che si occupano dell’adattamento fanno le cose a cazzo: come Monkey D. Rufy che diventa RUBBER, non si sono certo messi a pensare perchè si chiamasse così!”
Io: “Però effettivamente Rufy è proprio brutto come nome…”
Luca: “Allora anche Sanji è brutto! Chiamiamolo SANTORO!”

 

(in pizzeria; Padre sbatte contro una cameriera che, per non cadere, si aggrappa a lui)
Cameriera: “Mi scusi, mi scusi!”
Padre: “Si figuri, potremmo anche sposarci!”

 

Dario: “Ma dove sono LA EDGE e VERO?”

 

Luca: “Skyrim non vale Morrowind. Perchè neanche scopare per sei ore con Scarlett Johansson, fare un tuffo in una vasca dimensione olimpionica di Nutella, aprire il giornale e leggere della legalizzazione dell’erba e del suicidio di Berlusconi, vale Morrowind. Ma cazzo se ci va vicino.”

 

(commentando un disegno di Elena per una sua amica amante del Giappone)
Io: “I ciliegi li hai messi come omaggio al Giappone?”
Elena: “Sì, stavo pensando di aggiungere anche uno stagno, o un ponte caratteristico…”
Io: “O un FUNGO ATOMICO!”

 

(a cena, il cane chiede insistentemente l’osso buco)
Madre (a me): “Ma dai, dalle un pezzo!”
Io: “No, è mio!”
Madre: “Che insensibile! (rivolta al cane) Sì, sì, è brutto Andrea, è cattivo!”
Io: “Eh già, infatti prima sono stato io a CAGARE in camera di Penny!”

 

Dario: “A Cadorna hanno messo le macchinette nuove, che hanno anche le traduzioni in inglese delle varie parti. Sopra la fessura per le banconote c’è scritto BANK NOTES. FAIL.”

 

Folk: “Tonzo è talmente esaltato dal nuovo idromele, che ultimamente sta parlando più di quello che dei pc!”
Io: “Minchia! Detto da lui…”
Folk: “Secondo me il sogno segreto di Tonzo è di possedere una sala server, che faccia anche da distilleria clandestina!”

 

Andrea: “A giudicare dai cessi dell’U6, c’è stata una raffica di critici alla prova ‘cagare mostruosamente’!”

 

(in un messaggio Andrea cita una sorella di cui non mi aveva mai parlato prima)
Io: “Hai una sorella???
Andrea: “O ho una sorella, oppure da 27 anni i miei genitori vivono un episodio psicotico condiviso… che da 24 comprende anche me!”

 

Prof. Durante (Psicologia Sociale dei Contesti Educativi): “Le autrici si ispirano al modello di Rex… che non è il CANE!”

 

Andrea: “Da un’analisi qualitativa sui marciapiedi di via Rucellai (Precotto) e della via dove abito, emerge che l’animale domestico più diffuso sembra essere il leone, e che la dieta sia principalmente basata sull’assunzione di Activia.”

 

Elena: “Se mi facessi la permanente?”
Io: “Oddio! Non saprei… ma poi non basta una bella sciacquata per farli tornare come prima?”
Elena: “Eh no, si chiama ‘permanente’ apposta! Se no si sarebbe chiamata TRANSEUNTE!”

 

Luca: “Devo dire che andare in giro senza giacca, col finestrino abbassato e il ventilatore sparato addosso A DICEMBRE INOLTRATO è un’esperienza che mi mancava. Fossero solo queste le conseguenze del cambio climatico e dei gas serra, e non le estati sempre più torride e afose, credo che comprerei un migliaio di camion sovietici a gasolio euro menotrenta, solo per lasciarli accesi in folle con un mattone appoggiato sul pedale del gas, e contemplare con in bocca un sigaro la scena delle polveri che inquinano a morte l’atmosfera.

 

Claudio: “Per iscriverti a quell’esame puoi farti attivare la carriera in segreteria anche prima del badge, è uscito l’avviso giorni fa. Certo, devi superare 12 livelli di Diablo 3 tutti a livello divinità, senza trucchi e con 1/4 di vita ma si può fare!”

 

Folk (dal nulla): “L’altro giorno ero a casa e stavo guardando video sull’ACCOPPIAMENTO DEI MAIALI…”

 

Roberta: “Frase del Bacio Perugina: “Le donne sono fatte per essere amate, non per essere comprese”. Ma che cazzo di frase è?? Non mi piace…”
Davide: “Ma ste frasi sono sempre sessiste! Fanno prima a scrivere ‘Ricordati che devi STIRARE!'”

 

Dario: “Domani mi devo svegliare presto…”
Folk: “L’hai detto con la stessa convinzione, come se avessi detto ‘Io sono nato a BLOEMFONTEIN!'”
(successivamente interrogato sul perchè proprio Bloemfontein, l’interessato ha risposto “è il primo luogo pieno di NEGRI che mi è venuto in mente!”)

 

Dario: “Ma che differenza c’è tra una birra bionda inglese e una tedesca?”
Folk: “Eh, non è facile rispondere… è come dire che differenza c’è tra i vini italiani e i vini francesi…”
Io: “Facile, i vini italiani sono ETERO!”

 

Io: “Alla fine al 35, anche se è piccolo, la gente in qualche modo riesce sempre a trovare posto.”
Folk: “Sì infatti… secondo me se la Marianne prendesse un portaombrelli, ci scriverebbe sopra ‘TAVOLO 16’!”

 

(durante una partita del Milan)
Telecronista: “Pato in fondo è un ragazzo dell”89…”
Padre (a me): “E’ tuo coetaneo! Aspetta… tu sei dell”89?”
Io: “Veramente dell”88…”
Padre: “Ah già, è vero!”
Io: “Eh, sai com’è, sarei TUO FIGLIO!”

 

Andrea: “Quando mi sono presentato al CPS per il tirocinio, mi hanno accolto quasi con sollievo: “Finalmente un uomo!”. Stavo per rispondere dicendo ‘In effetti le facoltà di psicologia sembrano delle immense CUCINE!'”