Buonasera,
questa è la Voce del Fato che vi dà il benvenuto per la puntata natalizia di MuseoNewz, il webgiornale che fa tremare ogni governo, ma solo d’inverno e con le finestre aperte. Si ricorda che a un anno da oggi, il 21 dicembre 2012, è prevista la fine del mondo; va ugualmente detto che questa è l’ipotesi più pessimistica, e la distruzione potrebbe essere circoscritta e riguardare solo l’Unione Europea.
Ma veniamo alla rassegna principale.

 

L’EROE DEL GIORNO: in questo caso gli eroi sono tanti, qualche centinaio. Voi tutti, ovviamente, conoscete la storia dei leghisti che chiedono la secessione della Padania: forse però non conoscete la storia della secessione del PRINCIPATO DI FILETTINO. Filettino è un piccolo comune in provincia di Frosinone, poco più di 500 abitanti, che un bel giorno, sentendosi danneggiato dalle misure economiche del governo, ha avuto la simpatica idea di autoproclamarsi STATO INDIPENDENTE, sul modello di San Marino. Ma se pensate che il resto del paese si sia fatto una risata e la cosa sia finita lì, vi sbagliate di grosso: i filettinesi hanno fatto le cose in grande. Hanno nominato “principe reggente” l’avvocato Carlo Taormina (che in queste puttanate mediatiche ci sguazza), hanno iniziato a stampare moneta, hanno avviato le pratiche per la creazione di una banca nazionale, hanno convocato giornalisti e troupe televisive da tutto il mondo, stanno addirittura preparando una cerimonia di insediamento!
Attualmente è in corso un referendum per sancire la definitiva indipendenza dell’Italia, e a quanto dice Taormina (pardon, il Principe Taormina) “la Cina, il Giappone e il Canada hanno già riconosciuto il principato di Filettino”.
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2011/12/10/visualizza_new.html_11962799.html
Onestamente non so se raccapricciarmi o ridere. Ma come si dice per le invenzioni idiote, pensate alle possibili applicazioni pratiche! Per esempio, a me non piace la mia università: raccolgo una decina di coglioni, mi auto-nomino rettore e fondo l’Università degli Studi di Crescenzago, ovviamente utilizzando le strutture e gli edifici dell’altra università, e pagando le rette a me stesso. Provate anche voi, anche i vostri vicini se ne accorgeranno!
(e comunque spero di vivere abbastanza a lungo per vedere la partita Italia-FILETTINO, qualificazioni ai Mondiali.)

 

CRONACA: ognuno di noi, ne sono certo, ha una personale tecnica di approccio alle donne: ci sono quelli che offrono da bere, quelli che regalano fiori, quelli che offrono poltrone in Parlamento e via discorrendo. Non pensavo, onestamente, che ci fosse gente convinta che CAGARE davanti alla porta della donna amata sia un metodo efficace, ma sono costretto a ricredermi: un 62enne genovese, infatti, è solito farlo più volte.
http://attualissimo.it/defecava-porta-per-conquistarla-arrestato-per-stalking/?utm_source=site&utm_medium=sidebar&utm_campaign=sidebar
La vedova 50enne oggetto delle sue attenzioni, purtroppo, non ha gradito e l’ha denunciato per stalking. Doveva aspettarselo: l’unica persona con cui una strategia simile potrebbe funzionare, al massimo, è Gianni Morandi.
(se non l’avete capita, fate ammenda e visitate questa pagina)

 

ESTERI: quante volte, nella vostra vita (soprattutto a scuola), vi siete trovati alle prese con una penna che, dopo poco tempo, smetteva di funzionare, anche quando l’inchiostro sembrava esserci? Non è un problema di questa anziana signora inglese: la sua penna, dopo 25 anni, funziona ancora come appena presa! Forse il segreto sta nel luogo dove l’ha custodita finora: il suo STOMACO.
E’ tutto vero: la signora ha inghiottito la penna per sbaglio, poi se n’è DIMENTICATA per 25 ANNI, e le è stata individuata ed estratta dai medici, da cui era andata lamentando dissenteria e perdita di peso.
http://www.ilgiornale.it/esteri/gb_tolgono_pennadallo_stomaco_dopo_25_annie_biro_funziona_ancora/gran_bretagna-stomaco-operazione-ospedale-penna_biro/21-12-2011/articolo-id=563668-page=0-comments=1
Forse è stato veramente meglio così: pensate, dopo averla ingoiata, che piacere sarebbe stato espellerla per via rettale. Specie se, nel frattempo, si era messa in posizione orizzontale.

 

ESTERI #2: litigare duramente con il proprio coniuge: a un sacco di persone sposate è capitato e capiterà. Nel migliore dei casi ci si arrabbia, non ci si parla per un po’ e poi le cose si sistemano. Nel peggiore, ci si ritrova SEPOLTI VIVI in un bosco, com’è accaduto a questa donna polacca. Il marito l’ha legata, chiusa in una scatola di cartone e sepolta sotto terra; ma lei non si è persa d’animo e, probabilmente memore della famosa scena in Kill Bill, è riuscita a liberarsi usando come attrezzo il proprio ANELLO di fidanzamento.
http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/articoli/1031569/gb-seppellisce-viva-la-fidanzata-e-lei-si-libera-usando-lanello-di-fidanzamento.shtml
Il marito, arrestato, ha dichiarato che non voleva ucciderla, ma solo spaventarla. Non male come scusa: se mai dovessi cospargere di benzina qualcuno e dargli fuoco, dirò che volevo riscaldarlo perchè aveva freddo.

 

SALUTE: “Che cos’è questa?” (mostrando il pugno chiuso). “Non saprei…” “E’ una prugna! Ti fa ridere?” “Veramente no.” “Infatti fa cagare! Ah ah ah!”. Questo gioco intelligente impazzava nella nostra infanzia (o almeno nella mia); ma ora non si potrà più dirlo. L’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare, infatti, ha proibito di reclamizzare, a fini commerciali, le proprietà lassative delle prugne, perchè gli esperti della UE non hanno trovato prove sufficienti a riguardo.
http://www.vanityfair.it/news/mondo/2011/12/14/prugne-lassative-divieto-unione-europea
Ma un europarlamentare inglese, che a quanto pare va di corpo che è una meraviglia, promette battaglia per riabilitare le povere prugne. Ed è bello che i vertici europei abbiano finalmente qualcosa di veramente importante a cui pensare, in tempi di crisi.

 

CUCINA: un tempo era diffuso il detto “del maiale non si butta via niente”, a esaltare il gusto e le proprietà nutritive anche delle sue parti più bizzarre. E’ forse il momento di riciclarlo per la mucca: non solo si beve il suo latte e si mangiano i suoi derivati e la carne, ma a breve potremo anche berne l’URINA! Una ditta indiana (poteva essere altrimenti?) ha sviluppato una bevanda basata proprio su questo ingrediente, che dovrebbe avere diverse proprietà curative, sia per il fegato, che per la prevenzione del cancro.
http://www.leggo.it/articolo.php?id=153607
Tutto molto bello, ma sul sapore, a onor del vero, non ci sono indizi. Io penso proprio che gli crederò sulla parola, e intanto spezzo una lancia a favore della tanto vituperata birra BIRRA.

 

MUSICA: anche questa volta, come nella puntata precedente, voglio salutarvi con una piccola appendice musicale. Forse conoscete la canzone “You Suffer” dei Napalm Death: . Come potete immaginare, è entrata nel Guinness dei Primati come il brano musicale più breve mai inciso. E’ divertente spulciare un po’ Youtube per vedere i numerosi omaggi a questo capolavoro della musica di avanguardia! Ecco i miei preferiti:

 

You Suffer a FRETS ON FIRE!
http://www.youtube.com/watch?v=8p0xVU-Osdw&feature=grec_index

 

You Suffer per UKULELE!
http://www.youtube.com/watch?v=43iWtzpMteU&feature=related

 

You Suffer in 8-BIT!
http://www.youtube.com/watch?v=8nyQfcL9Y_w

 

You Suffer rallentata dell’800%!
http://www.youtube.com/watch?v=hm0ZNLS9eeY&feature=related

 

Anche per oggi è tutto. La Voce del Fato, con l’alto patrocinio del Ministero degli Esteri del Principato di Filettino, vi augura buone feste e vi dà appuntamento alla prossima puntata.