Buongiorno,
questa è la Voce del Fato che vi dà il benvenuto per una nuova puntata di MuseoNewz, il webgiornale che Marco Travaglio ha definito “encomiabile”, confondendosi con un’altra cosa. Si ricorda che domani ci sono i ballotaggi per decidere se consegnare o no alcune grandi città italiane al Comunismo, ma soprattutto stasera c’è Al-Hilal – Al-Faysaly, partita clou del campionato di calcio arabo.
Passiamo alla rassegna principale.

L’EROE DEL GIORNO – SPECIALE ELEZIONI 2011: ora, è pur vero che a questo webgiornale delle notizie di attualità importanti frega generalmente poco; ma c’è un limite a tutto. Chiunque abbia anche solo sfogliato distrattamente un quotidiano italiano nelle ultime tre settimane, sa qual è la situazione della campagna elettorale per le amministrative, specie a Milano.
Brevissimo riassunto: per assicurarsi la vittoria in modo pulito e leale, il candidato uscente Letizia Moratti e tutto l’entourage del Pdl hanno avuto la brillante idea di accusare Giuliano Pisapia, candidato del – scusate la parola – Partito Democratico, di qualsiasi cosa venisse loro in mente, non importa se credibile o meno. Ecco quindi che Pisapia, per settimane, viene accusato in diretta televisiva di aver partecipato da giovane al furto di un furgone usato per pestare un tizio, viene dipinto come amico dei centri sociali, dei brigatisti e degli estremisti islamici, si prevede che Milano sotto di lui diventerà “Stalingrado” o “Zingaropoli”, si accusa chi lo ha votato di “aver lasciato a casa il cervello”. Il risultato? Non solo Pisapia vince al primo turno e trascina la Moratti al ballottaggio, quando nessuno avrebbe puntato un kopeko su di lui; ma su Internet scoppia la moda di prendere per il culo la strategia del centrodestra trasformando Pisapia in un’icona mediatica: in poco tempo nascono siti di battute su di lui, parodie video, canzoni, finti manifesti elettorali. Una simile mobilitazione sul web non si vedeva dal 2006, dai tempi dei Chuck Norris Facts. Per questo la redazione ha deciso di dedicare la pagina dell’Eroe del Giorno all’autore della calunnia più bella, la vera dimostrazione che, quando il gioco si fa duro, i duri iniziano a giocare: the winner is… MARIO BORGHEZIO!
http://www.giornalettismo.com/archives/126476/borghezio-batte-internet-al-qaeda-felice-se-vince-pisapia/
Voglio sottolineare che era serio.
Come finiranno le elezioni, lo sapremo presto… ma una cosa la sappiamo già: in Italia è IMPOSSIBILE fare satira. A qualunque livello, le prese in giro non sono mai ridicole quanto la realtà.

POLITICA: a proposito di Lega Nord: come tutti sapete, a inizio maggio Osama Bin Laden è stato ucciso in Pakistan (almeno, così affermano gli esperti, anche qui se ne sono sentite di tutti i colori), e Al Qaeda è rimasta orfana del suo leader carismatico. La Padania, stimato giornale assolutamente apartitico, ha pubblicato un articolo che parla dei nomi più gettonati per la successione: nella fattispecie si citano Saif Al-Adel, coinvolto negli attentati alle ambasciate americane in Africa nel 1998, e il ben noto Ayman Al-Zawahiri. Ovviamente nell’articolo ci sono le loro foto. Ma non vi sembra che ci sia qualcosa di strano? No, perchè quello nella foto in realtà è UMBERTO ECO.
http://www.ilfoglio.it/cerazade/1680
Questo è Al-Zawahiri, e questo è Umberto Eco. Notare i tratti del viso orrendamente contornati, che non avrebbero ingannato un bambino di 8 anni.
Io sono commosso: nemmeno Il Male, quando aveva pubblicato le finte prime pagine dell’arresto di Tognazzi come capo delle Brigate Rosse, era arrivato a tanto… e Il Male era una rivista di satira. Quelli di La Padania saranno stati seri? Non lo sapremo mai.

ESTERI: qual è stata la vostra telefonata più lunga? 3 ore? Quattro? Tsk, dilettanti. Questa tizia americana è salita su un treno, ha iniziato la chiamata ed è rimasta al telefono per SEDICI ORE. Parlando pure a voce alta. A farla smettere non è stato l’esaurimento nervoso dell’interlocutore, e nemmeno la batteria del cellulare, ma la disperazione degli altri passeggeri, che hanno chiamato il capotreno e l’hanno costretta a scendere, beccandosi peraltro insulti continui.
http://www.corriere.it/esteri/11_maggio_22/parla-telefono-treno-usa-arrestata-elmar-burchia_ef538bb0-8465-11e0-8f6d-f05899f85374.shtml
Certo che è pazzesco, sfido chiunque a imitarla: anche ammesso di trovare una persona che non abbia niente di fare a parte ascoltarvi, e un cellulare con una batteria che duri così tanto (oltre al credito illimitato)… di che cazzo parlate per SEDICI ORE? Io non riuscirei a fare neanche una cosa divertente per tanto tempo!

CULTURA: secondo voi esiste il sesso in Paradiso? Secondo i musulmani sì, e le donne sono sempre vergini; secondo i cristiani, il sesso non finalizzato al concepimento è peccato, quindi il problema non si pone; secondo lo scultore Jean-Marc Laroche sì, e ha provato a rappresentare la sua idea con una serie di posizioni del Kamasutra interpretate da SCHELETRI finti, esposti al Museo dell’Erotismo di Parigi.
http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cultura/2011/05/09/visualizza_new.html_871931215.html
Mi piace come idea, è molto poetica. Quest’uomo decisamente farà strada… magari come autore di copertine splatter.

SCIENZE: forse non lo sapete, ma il 16 maggio è partito da Cape Canaveral lo Shuttle diretto alla Stazione Spaziale Internazionale, con a bordo anche un astronauta italiano. Ma non sono solo esseri umani a partecipare alla missione: nell’equipaggio compaiono anche alcuni microorganismi e un CALAMARO.
http://www.galileonet.it/articles/4dd280c472b7ab3abe00008d
Purtroppo il suo sarà un compito ingrato: dato che lo scopo della missione è studiare il comportamento dei microorganismi nelle condizioni ambientali dello Spazio, il calamaro verrà ucciso in modo che si possano analizzare i batteri al suo interno. Io pensavo che l’avessero portato dietro gli astronauti come merenda, ma chi sono io per mettere becco?

AMBIENTE: tra i tanti argomenti che ravvivano il dibattito politico in Italia, c’è la questione della privatizzazione dell’acqua: secondo gli oppositori un decreto simile è assurdo e liberticida, perchè l’acqua, come l’aria, è un bene essenziale per la vita. Io sono d’accordo, ma sappiate che c’è chi ha fatto di peggio: Angeles Duran, 49enne spagnola, sostiene di possedere il SOLE. Tutto regolare, con tanto di atto di proprietà firmato dal notaio. E vuole anche che le vengano pagate le tasse! Però è generosa: punta a tenere per sè solo il 10% degli introiti:
http://esteri.liquida.it/focus/2010/11/30/angeles-duran-la-donna-che-dice-di-possedere-il-sole/
E’ fortunata a vivere in Spagna: vivesse in Finlandia, avrebbe ben poche tasse da chiedere.
(comunque, a onor del vero la palma di Eroina del Giorno se la meriterebbe lei. A questo punto, mi aspetto solo che salti fuori qualcuno a sostenere di aver inventato Dio, con tanto di brevetto legalmente depositato.)

Anche per oggi è tutto. La Voce del Fato vi lascia con un misterioso messaggio subliminale, e vi dà appuntamento alla prossima puntata.

votapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapi

sapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiav

otapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapis

apiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiav

otapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapis

apiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiav

otapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapis

apiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavo

tapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisa

piavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavo

tapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisa

piavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavo

tapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisa

piavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapiavotapisapia