Buongiorno,
reduce dal trasferimento coatto su una piattaforma di merda, la Voce del Fato torna a darvi il benvenuto per una nuova puntata di MuseoNewz, il webgiornale che da oggi è anche in edicola, ma non vi diciamo quale, dovrete scoprirlo da soli. Qui il tempo è freddo e piovoso, ma sarete felici di sapere che invece in Cambogia c’è il sole e fa caldo.
Passiamo alla rassegna principale.

L’EROE DEL GIORNO: si chiama Fabrizio Mirabelli, 63enne di Palermo; da tempo desiderava che i vicini gli vendessero il loro appartamento, ma questi si erano sempre rifiutati. Lui l’ha presa con sportività: ha DATO FUOCO alla casa, con loro dentro. Solo la segnalazione di un automobilista di passaggio ai Vigili del Fuoco ha evitato la tragedia.
http://www.corriere.it/cronache/10_ottobre_04/casa-vicini-incendio_feda0228-cf9b-11df-8a5d-00144f02aabe.shtml
Che vi serva di lezione, bambini: se desiderate qualcosa con tutte le vostre forze e non riuscite in alcun modo a ottenerlo… distruggetelo (tra l’altro lui l’aveva capito da tempo).

CRONACA: chi di noi non ha mai acquistato qualcosa dai cinesi? Magari qualche pezzo di ricambio a basso costo, o un vestito ben realizzato ma di marca ARMENI o SCIANEL. Mal che vada dura poche settimane e poi si rompe, voi però avete risparmiato un po’ di soldi… a meno che non facciate la fine di questo giovane di Sora: ha comprato su internet una batteria per il cellulare made in China, ha messo il cellulare sotto carica, e questo è ESPLOSO. Oltre al cellulare da buttare, rischia di perdere un occhio.
http://notizieincredibili.scuolazoo.com/incredibile/compra-batteria-made-in-china-per-il-cellulare-e-il-telefono
Ecco perchè io di cinese mi limito alla cucina: magari non sarà il massimo da digerire, ma finora non mi è mai detonata nello stomaco.

ESTERI: guardate questo animale: viene voglia di coccolarlo, vero? E’ un vombato, un marsupiale australiano simile a un grosso tasso, talmente popolare da aver dato il suo nome, tra le altre cose, a un asteroide e a una squadra di calcio. In genere ha un carattere tranquillo e amichevole, tant’è che spesso, negli zoo, i visitatori gli si avvicinano senza problemi. Peccato che a volte sia un po’ irascibile: se si sveglia con le palle girate, può uccidere con estrema facilità. Ne sa qualcosa un sessantenne di Flowerdale, inspiegabilmente aggredito e ferito gravemente a collo, braccia e gambe da un vombato particolarmente scazzato; è stato necessario l’intervento di un vicino, che ha abbattuto l’animale a colpi d’ascia, per salvargli la vita.
http://www.wakeupnews.eu/mortal-wombat-carini-coccolosi-e-letali/
In Australia è già nato il tormentone: MORTAL WOMBAT. A quando il videogioco?
(grazie a Grim per l’ottima segnalazione)

CULTURA: siete appassionati di lingue e siete sempre stati insoddisfatti dall’attenzione che i dizionari dedicano alle parolacce? Lavorate tutti i giorni con un collega straniero e siete ansiosi di comunicargli il vostro affetto in modo a lui familiare? Oggi internet vi viene in aiuto: ecco voi YOUSWEAR, il sito che vi insegna a essere volgari in tutte le lingue del mondo!
http://www.youswear.com/
Non so voi, ma per me, scoprire che in polacco “puttana” si dice “SUKA” è un’emozione fortissima.

SALUTE: in una società frenetica e asfissiante come quella moderna, lo yoga è particolarmente apprezzato per la capacità di donare serenità e relax a chi lo pratica. Le canne sono apprezzate per la stessa ragione; proprio per questo in Canada qualcuno ha avuto la brillante idea di unire le due cose: è nato il GANJA YOGA!
http://hempyreum.org/varie/1489-canada-yoga-e-cannabis.html
Ogni lezione, mezz’ora di conversazione e settantacinque minuti di esercizi da fumati. Mi piacerebbe un casino vedere come vengono fuori, secondo me non stanno neanche in piedi.

SPECIALE SCIENZE – PREMI IG NOBEL 2010: per finire, quattro giorni fa ad Harvard si è tenuta la cerimonia di consegna dei Premi Ig Nobel 2010; come molti di voi sapranno, si tratta di veri riconoscimenti scientifici, assegnati a chi si è distinto nelle ricerche più INUTILI, RIDICOLE e PARADOSSALI dell’ambiente scientifico. Anche quest’anno sono stati premiati esperimenti e studi davvero portentosi: vediamoli nel dettaglio.

MANAGEMENT: Alessandro Pluchino, Andrea Rapisarda e Cesare Garofalo dell’Università di Catania, che hanno dimostrato che una società ottiene risultati migliori assegnando i posti di lavoro in modo casuale e non in base al merito singolo.

MEDICINA: Simon Rietveld e Ilja van Beest, dell’università di Amsterdam, per aver scoperto che chi soffre d’asma respira meglio dopo essere andato sull’OTTOVOLANTE.

FISICA: Lianne Parkin e la sua squadra di ricercatori dell’università di Otago, Nuova Zelanda, per aver scoperto che indossare le calze SOPRA LE SCARPE aiuta a scivolare di meno camminando sul ghiaccio.

BIOLOGIA: la Bristol University, che in collaborazione con un’equipe cinese, ha rilevato che la fellatio nei PIPISTRELLI DELLA FRUTTA aumenta la durata del rapporto sessuale.

PACE: Richard Stephens della Keele University, per aver dimostrato scientificamente che IMPRECARE aiuta a sopportare il dolore fisico.

INGEGNERIA: Karina Acevedo-Whitehouse dell’Institute of Zoology di Londra, per aver progettato un mini-elicottero telecomandato in grado di raccogliere il MUCO delle BALENE.

TRASPORTI: Mark Fricher e Dan Bebber dell’università di Oxford, che hanno studiato un nuovo modo di posizionare i binari delle ferrovie osservando le MUFFE sul terreno.

SALUTE PUBBLICA: Manuel Barbeito dell’Industrial Health and Safety Office del Maryland, per aver dimostrato come i microbi si annidino nella BARBA.

CHIMICA: i ricercatori della British Petroleum, per aver smentito il concetto che acqua e olio non possono mescolarsi: la prova è il disastro della Deepwater Horizon del 20 aprile scorso.

ECONOMIA: i vertici di Goldman Sachs, Lehman Brothers e altri magnati della finanza americana, direttamente coinvolti nell’attuale crisi economica mondiale, “per aver promosso nuovi modi di investire il denaro”. A scapito degli investitori.

Per oggi è tutto. La Voce del Fato invita tutti i lettori a non lasciarsi sconfiggere dalla malvagità di WordPress, e vi dà appuntamento alla prossima puntata.