Non sarebbe meraviglioso?
Se il cervello umano fosse come un gigantesco hard-disk, dove a ogni pensiero, idea, sentimento corrisponde un determinato file in una determinata cartella, quanti problemi in meno dovremmo affrontare?
Non riesci a liberarti del ricordo di un avvenimento, o di una persona, che continua a tormentarti nella veglia come nei sogni? Un clic, e puoi cancellarla per sempre dalla memoria. Non è mai successo, non è mai esistito.
Soffri di un amore non corrisposto? Le hai provate tutte, ma ancora non riesci a smettere di pensarci, a vederla come una semplice amica e non come l’oggetto di un desiderio irrealizzabile? E’ semplice, basta spostarla dalla directory delle passioni amorose a quella degli amici. Un banalissimo drag-and-drop può riuscire dove mesi di seghe mentali, buoni propositi, frasi a metà, distrazioni e silenzi hanno fallito.
Eri certo di sapere qualcosa, ma ora ti sembra di averla dimenticata? Una bella ricerca ed è fatta, tutte le tue conoscenze ordinate e pronte per essere consultate. Oppure, se sai dove si trova ma pensi che abbia una valenza eccessiva o insufficiente, fai un resize, e magicamente torna ad avere l’importanza che le spetta.
Ogni elemento al suo posto, nessuna possibilità di errore. Se qualcosa non è di tuo gusto puoi cancellarlo, se non è collocato correttamente puoi spostarlo, se non ha il giusto peso puoi ridimensionarlo. E chissà quale miriade di possibili applicazioni ho tralasciato.
Sarebbe una prospettiva dannatamente affascinante… se solo non fosse impossibile.